Test

Clinique Happy: provato per voi

È una di quelle mattine in cui avresti pagato per non uscire dal letto. Magari sai che al lavoro avrai mille questioni da risolvere. Ma ti spruzzi Clinique Happy e ti senti subito meglio. Capisci anche perché lo hanno chiamato così: ti mette di buonumore. Questo ce l’avevano già detto anni fa (più di venti, per la serie «come passa il tempo»), prima che conoscessimo Happy. Inutile dire quanto fossimo scettiche (da qui il mio #labeautyscettica), perciò possiamo capire i vostri dubbi. Sappiamo bene che state pensando qualcosa tipo: «Figurati! Saprò io di che umore sono in questo periodo, un profumo non può certo bastare…». Ok. Provatelo e vedrete.

Tornando a noi, abbiamo cercato tra gli ingredienti qualcosa di simile alla polverina magica di Pollon, quella che «sembra talco ma non è, serve a darti l’allegria!», ma tutto quello che abbiamo trovato è: pompelmo rosa, fiore nuziale hawaiano, mimosa, fiore di mora selvatica. Va beh, pazienza, l’importante è l’effetto.

A parte questo, Happy è davvero mitico. Ed è molto, molto femminile. Sa di agrumi e fiori, non so dirvi in quale proporzione perché sembra che cambi abbastanza a seconda di chi lo indossa. In ogni caso non è di quei fioriti che ti fanno venire il mal di testa e non è di quell’agrumato che dopo un po’ ti stufa. Anzi, non è invadente anche se dura tutto il giorno. Sa di pulito, è fresco ma cocooning nello stesso tempo. Sembra una contraddizione, ma solo se lo sentite capite quello che stiamo dicendo. Comunque, è così versatile che non c’è una stagione o un momento in cui non vada bene. Insomma, Happy è uno di quei profumi 24/7, anche perché ti ci affezioni: ti accompagna dalla mattina alla sera grazie a una persistenza ottima. E non è finita: tutti ti chiedono che profumo stai indossando, per andarlo a comprare anche loro.

Quando proverete Happy, capirete perché sia assolutamente necessario avere anche il bagnoschiuma (che si chiama Body Wash) e il latte idratante per il corpo (il Body Smoother). A proposito, soltanto una cosa va rimproverata a quelli della Clinique: sulle confezioni, avrebbero dovuto scrivere che Happy crea dipendenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *